Miti che odiano le donne

Stampae-mailPDF

Il convegno “Miti che odiano le donne”, promosso da AsiaTeatro e ideato dall’indologa Marilia Albanese, si terrà a Milano venerdì 24 e sabato 25 ottobre presso la Casa della Cultura in via Borgogna 3

Nelle più diverse aree geografiche, storiche e culturali esiste una costante a monte della violenza sulle donne: il mito. Studiose delle tradizioni culturali europee ed extraeuropee metteranno a confronto miti di ambito greco, ebraico, africano, indiano, cinese, giapponese, per rintracciarne le persistenze nella realtà attuale. Di femminicidio e violenza sulle donne si parla ormai spesso, e per fortuna. Le cause di questo terribile fenomeno sono molteplici: una particolarmente determinante ma non molto evidenziata è quella mitica. Dalla mitologia greca ai testi biblici, dall’epica indiana alle memorie degli antichi eventi giapponesi, racconti fondamentali elaborati e trasmessi dall’ambito maschile, geloso detentore della conoscenza scritta e della tradizione, attribuiscono alla donna colpe e mancanze di ogni genere, legittimando così la sua svalutazione, subordinazione ed eliminazione mentre d'altra parte ne costruiscono un'opposta immagine modello ideale, tanto irrealistica, quanto irraggiungibile. I miti hanno nutrito l’immaginario collettivo, tramandando per millenni stereotipi che hanno influenzato enormemente non solo la cultura, ma la società e la politica dei paesi che li hanno prodotti.  L'deatrice del convegno e alcune delle relatrici sono membri del Cento di Cultura ItaliaAsia. 

 

Area: 
Asia generale
Data pubblicazione: 
25/10/2014