Madame Butterfly: la riscoperta del Giappone a fine ‘800

Stampae-mailPDF

Interventi di: Andrea Pancini (docente di Lingua e cultura giapponese presso l’Università di Pavia e presso le Civiche scuole di Lingue del Comune di Milano)

Abstract: Un ufficiale americano, il tenente Benjamin Franklin Pinkerton, arriva in Giappone nel porto di Nagasaki. Sotto suggerimento di un amico, sposa la giovane Cho-Cho-San, una geisha. Dopo qualche tempo la nave di Pinkerton lascia il Giappone: in sua assenza Cho-cho san partorisce un figlio. Aspetterà invano il ritorno di suo marito. Tutti conoscono per sommi capi questa vicenda, ma quanto c'è di vero? Esistono due "Madame" Butterfly: quella fittizia, e quella reale che visse negli ultimi decenni del 1800. Il Giappone di allora stava attraversando uno dei più profondi cambiamenti della sua storia. Il periodo Meiji (1868-1912) vide l'incontro-scontro di due mondi agli antipodi: quello europeo-americano e quello dell'Asia orientale. Quali furono le reali dinamiche di questa incredibile trasformazione, e come ne uscì il Giappone?

Intermezzi: proiezione del duetto di Cho-cho-san e Pinkerton tratto dall’opera Madama Butterfly e letture da diari di viaggiatori italiani in Giappone e di viaggiatori giapponesi in Occidente.

E’ prevista un’introduzione all’intero ciclo da parte di Susanna Marino (docente di Lingua e istituzioni di cultura giapponese e coordinatrice del percorso).

A causa dell'alto numero di iscritti, gli incontri non si tengono a Villa Forno Breme a Cinisello ma in Bicocca U6 AULA MARTINI piazza dell'Ateneo Nuovo, Milano

Data: 
Martedì, 17. Aprile 2018 - 18:00
Sede: 
Università di Milano Bicocca, U6 Aula Martini, piazza dell'Ateneo Nuovo - Milano
Ciclo: 
I mille volti del Giappone: un percorso tra storia e immaginario
Relatori: 
Susanna Marino
Andrea Pancini
Area: 
Giappone