Chi siamo

Stampae-mailPDF

 

Centro di Cultura Italia - Asia  “Guglielmo Scalise

Da  oltre 35 anni è un punto di riferimento per conoscere e approfondire le culture e tradizioni del Medio ed Estremo Oriente e dei Paesi islamici dell’Africa.

Fondato nel 1977, il Centro di Cultura Italia-Asia riveste un ruolo di spicco nel panorama culturale milanese, nel promuovere e diffondere lo studio e la ricerca sulle civiltà asiatiche. Libera associazione di studiosi, accademici e cultori a vario titolo della materia, vanta fra i soci benemeriti molti illustri orientalisti. Organizza un fitto calendario d’incontri (cicli di conferenze, convegni, mostre, rassegne, corsi e seminari), in collaborazione con prestigiosi enti: ad esempio, a Milano, il Centro culturale San Fedele, la Casa della Cultura, il Circolo Filologico, il Museo d’Arte e Scienza, la Biblioteca del PIME e l’Istituto Petrarca.

Il Centro di Cultura Italia-Asia è intitolato a Guglielmo Scalise (1891-1975) che si dedicò per quarant’anni alla promozione e al miglioramento delle relazioni tra l’Italia e i Paesi asiatici, diffondendone le lingue e le culture.

Così lo ha ricordato Fosco Maraini al Convegno dell'Associazione Italiana per gli Studi Giapponesi (AISTUGIA), Firenze, il 22 maggio 1976. Articolo pubblicato su Quaderni Asiatici, 1 gennaio-aprile 1984

L'autunno scorso è scomparso, ad 84 anni, uno dei nostri soci onorari, Guglielmo Scalise, il Generale Guglielmo Scalise. Egli era doppiamente legato a noi - da un lato come eminente cultore di studi giapponesi, dall'altro come padre di Mario Scalise, amico, e per alcun tempo anche consigliere della nostra Associazione.

Parlare di Guglielmo Scalise potrebbe sembrare impegno particolarmente difficile, oggi. Viviamo in tempi di ferro, violentemente partigiani. Chi nasce e vive da guelfo rischia d'esser dimenticato, frainteso, condannato senza appello, appena sono in auge i ghibellini - e viceversa. Questa è una triste, forse terribile realtà che ci rende schiavi di schemi, mentre dovremmo essere sempre aperti ai genuini valori umani delle singole persone, dei singoli individui. E' un mondo che ci condanna ai bianco-nero, luce-buio, bene-male assoluti d'una visione manichea del mondo, facendoci spesso perdere di vista splendide, feconde ricchezze umane, soltanto perché si sono manifestati al di là di certi confini. Inviterei a reagire con tutte le forze a questa imposizione dei tempi.

Guglielmo Scalise nacque in Calabria, a Marcellinara, un paesino dell'entroterra catanzarese, nel 1891. Chiunque conosce un po' la Calabria sa questo: che i suoi abitanti posseggono un voltaggio psichico altissimo, un'intensità interiore che partecipa della folgore, in linguaggio tantrico potremmo dire adamantina - e come v'è un Tantra della mano destra che mette i propri segreti poteri a servizio del bene, accompagnato da un Tantra della mano sinistra che agisce solo ai fini d'un predominio di forza, così vi sono calabresi della luce e calabresi delle tenebre. Sempre restando nel territorio della simbologia, la Calabria fa pensare a quei mandala immaginifici in cui ad un Kongo-kai, un universo diamante, si contrappone un Daizo-kai, un universo uterino, l'intelletto contrapposto al sangue, Parmenide (ch'era calabrese) ad Eraclito, Gioacchino da Fiore al "Padrino". I calabresi della luce, oltre a portare in cuore una fiamma d'amore capace d'intensità fuori del comune, respirano fin dalla nascita un'aria nella quale si muovono per ogni dove echi d'una antichissima civiltà, d'una cultura con le radici nel più remoto passato. Poeti, retori, filosofi, artisti della Magna Grecia passarono più tardi la fiaccola a monaci, eremiti, visionari, facendo da ponte tra Levante e Occidente, tra Bisanzio e Roma, talvolta tra la Mecca e Roma.

Guglielmo Scalise, eminente calabrese della luce, trovò in questa ricchezza particolare della sua terra i motivi d'una duplice vita - duplice non nel senso tenebroso di una che si cela all'altra, ma in quello vitale e solare di una che feconda l'altra. La duplice vita cioè del militare che allo stesso tempo è anche studioso, uomo di cultura, umanista, I dati esteriori della vita militare di Guglielmo Scalise sono, direi, preordinati dal fatto d'esser nato nel 1891 e d'essere entrato alla Scuola militare di Parma nel 1914. Ne conseguono logicamente; partecipazione al conflitto 15-18, alle operazioni di Libia, alla seconda guerra mondiale. Da questa, dal fronte greco, Guglielmo Scalise venne improvvisamente allontanato nel 1941, a causa d'un gravissimo male che lo vide in fin di vita. Già nella carriera delle milizie prevalsero in Guglielmo Scalise gli interessi che richiedevano applicazione, studio, l'esercizio delle più finì qualità intellettuali. Nel 1922 lo troviamo allievo della Scuola di guerra di Torino ciò che lo qualificò al trasferimento nel Corpo di Stato maggiore - nel quale esplicò per numerosi anni le sue attività. Nel 1934 ebbe luogo un evento che modificherà poi in profondo la sua vita: venne nominato Addetto Militare in Giappone, posto che coprì fino al 1939.

Chi vi parla ricorda benissimo - arrivando a Tokio nel 1938 - d'essere stato invitato a casa di Guglielmo Scalise. Come. descrivere Tokio nel dicembre del 1938? Certo, era profondamente diversa da quella di oggi. Un altro mondo! Ricorderò sempre, al termine d'un lungo viaggio per mare – dopo Aden, Bombay, Colombo, Singapore, Hong Kong, Manila, porti animati, tutti luce, colore, festa, pieni di gente che passava da un mercato, da un bazar all'altro - ricorderò sempre l'impressione quasi angosciosa di buio, di silenzio, di freddo datami da Tokio. Eravamo non solo passati dall'estate dei tropici ad un rigido inverno quasi nordico, dal sole ad un cielo coperto, pesante, plumbeo ma dalla spensieratezza al sospetto, ad un mondo samurai-confuciano in cui l'olio degli inchini e dei complimentosi saluti celava timori, spionaggi, intrighi fanatismo senza perdono. Tokio era una capitale che faceva finta d'essere in pace, ma era in guerra; una capitale solenne, austera, dove sotto il velluto sentivi l'acciaio. Era difficile raccapezzarsi in questo strano mondo d'un militarismo così diverso da quello festaiolo che prevaleva in Italia. C'era qualcosa di misteriosamente sacerdotale in giro: veniva da pensare ad un immenso Vaticano dove Giovanni Calvino fosse stato papa a lungo, molto a lungo. Quando mi telefonarono dalla nostra ambasciata dicendomi che c'era un invito da parte dell'addetto militare, mi sentii gelare. Come, ancora militari? Tutto desideravo fuori che questo ... Quale non fu la mia sorpresa, entrando in casa Scalise a Tokio, nel trovarmi di fronte ad un autentico, intelligente umanista, un uomo che aveva impiegato gli anni trascorsi nella capitale nipponica - non tra parties e cacce alle anitre, tra notti nello Yoshiwara ed intrighi d'alta società, come facevano normalmente i suoi colleghi d'altri paesi - ma studiando a fondo la civiltà giapponese, la sua lingua, i suoi tesori d'arte e di pensiero. Ricordo ancora che alcune cose dettemi allora sul culto imperiale, sui rapporti del tutto particolari tra sacro e profano, furono come un lampo che illumina una scena notturna facendomi capire quanto avevo percepito, ma non ancora analizzato col pensiero.

Frutto degli studi e delle ricerche, seguite per anni con impegno e pazienza da Guglielmo Scalise, fu un Dizionario Italo-Giapponese, di cui conservo ancora una copia regalatami dall'autore. Dopo la guerra Guglielmo Scalise trovò nella ricchezza delle proprie risorse interiori numerosi motivi d'una rinascita - la molla d'una guarigione sia dal male fisico, sia dallo smarrimento spirituale. Per moltissimi uomini della sua generazione, diciamo quella dei nostri padri, la disfatta, il crollo d'un mondo in cui, ciascuno a suo modo, avevano creduto, spesso dando il meglio di loro stessi - fu un trauma quasi mortale. Non così per Guglielmo Scalise. Il Giappone, ch'era inizialmente stato per lui un episodio, divenne un tema - il tema dominante dei suoi anni rimanenti, delle sue feconde attività. Nel 1954 Scalise prese la libera docenza e da allora in poi insegnò alla Università statale di Milano. Contemporaneamente fondò e diresse la sezione Lombarda dell'IsMEO, governando l'istituzione per ben quindici anni. Sotto questo aspetto (apro qui una breve parentesi) la vita di Guglielmo Scalise ha delle somiglianze con quella d'un altro militare italiano, Bartolomeo Balbi, il quale ai primi del novecento, dopo un periodo trascorso in Giappone, fu attivissimo maestro di lingua e di cultura giapponese a Napoli. Frutto degli studi giapponesi di Guglielmo Scalise furono, non solo numerose dispense ch'egli redigeva per i suoi studenti, non solo un ottimo dizionario dei Toy6 Kanji, ma anche la traduzione di un'opera di Junichiro Tanizaki, il romanzo "La madre del generale Shigemoto", pubblicato da Mondadori. In questi anni Guglielmo Scalise tornò con particolare tenerezza ai ricordi dell'infanzia e dell'adolescenza, pubblicando un volume di saggi dal titolo "Calabria amara". Lui calabrese della luce, vedeva ed analizzava le ombre e le durezze d'una Calabria delle tenebre, con particolare felicità d'intuito.

Gli ultimi anni della sua vita, Guglielmo Scalise li trascorse nell'eremo di Proserpio, vicino al lago di Como. E qui l'autentica umanità, la natura genuina d'un grande cuore, ebbero modo costante di manifestarsi: uomini d'ogni grado e condizione, che avevano militato con lui in pace e in guerra, lo cercavano per averne consigli, guida, anche aiuti concreti nel disbrigo di pratiche, nel riconoscimento di diritti. A nessuno egli si negava; per tutti si prodigava con generosità ed amore. Ecco che chiamarlo "Generale Scalise" parve un non-senso; tutti spontaneamente adottarono il più intimo ed affettuoso "papà Scalise". Vorrei che anche per tutti noi egli restasse nella memoria, non come Generale Scalise, ma come "papà Scalise".

Di fronte alla morte, in occidente, è naturale parlare di Dio - e Guglielmo Scalise era un credente di vecchio stampo, un uomo per cui le coordinate dell'universo hanno senso ben preciso ed appaiono piantate senza tentennamenti nella realtà: qualcosa di cui non si dubita nemmeno per scherzo. Ahimè! Per noi il suo mondo - a diritto od a torto - è divenuto sospetto. Le splendide certezze sono crollate. I nomi d'oro, i simboli supremi, le parole magiche d'un tempo suonano penosamente retoriche e ne rifuggiamo. D'altra parte il grande mistero che tutti ci ammanta e circonda resta, resterà sempre. Forse nessuno seppe sfiorare ed evocare l'arcano così delicatamente e pungentemente insieme, quanto i poeti della Cina. T'ao Ch'ien, che visse nei secoli bui, travagliati come il nostro, tra fine Han e inizio T'ang, forse sedendo sulla soglia della propria capanna scrisse:

"Come volge il cielo, le stagioni vanno; compiuta l'opera, si prendon congedo .. "

Credo sarebbe piaciuta a papà Scalise questa immagine in cui le vicende del cielo, i mutamenti ciclici delle stagioni nel loro incanto sottile, ed il destino dell'uomo, sono velatamente - eppur cosmicamente - congiunti.


 

Tratto da Calabria amara, Casa Editrice Ceschina, 1972:

Negli anni della mia permanenza in Giappone avevo lavorato intensamente, mirando sempre all’interesse della pace, della fraternità fra gli uomini di ogni colore e razza. Avevo inoltre acquistato una vasta e complessa esperienza, attraverso la conoscenza approfondita del popolo nipponico e delle meraviglie naturali del paese che mi aveva amichevolmente ospitato.

La passione per la lingua e la cultura nipponiche m’indussero a riprendere gli studi interrotti. Già nel 1940, a Tokyo, nella Scuola Professionale salesiana, era stato stampato il mio DIZIONARIO ITALIANO – GIAPPONESE con un’appendice di termini militari. Mi era costato cinque anni di lavoro assiduo, metodico. Nell’ultimo anno della mia permanenza in Giappone, per completarlo, dovetti lavorare dalle otto alle dieci ore al giorno. Ora mi accingevo a compilare una grammatica della lingua giapponese. (pag.288)

A Roma avevo preso contatto anche con l’Is.M.E.O. (Istituto Italiano per il Medio ed Estremo Oriente), di cui era presidente il filosofo Giovanni gentile e vicepresidente l’insigne orientalista Giuseppe Tucci. Avevo conosciuto Tucci in Giappone, ove egli era stato inviato dal nostro governo per una serie di conferenze che lo tennero impegnato per tre o quattro mesi. A Roma Tucci mi rivide con piacere e mi chiese di svolgere un corso di giapponese agli allievi dell’Is.M.E.O. Accettai, e, ottenuta l’autorizzazione del capo di stato maggiore dell’esercito, ne svolsi uno anche per gli ufficiali dello Stato Maggiore. (pag.290)

Verso la fine del 1950, mi fui chiesto di collaborare alla costruzione della sezione lombarda dell’Istituto Italiano per il Medio ed Estremo Oriente. Il pensiero di poter insegnare la lingua e la cultura giapponese ai giovani delle nuove generazioni mi entusiasmava. La sezione fu costituita il 29 febbraio del 1951. Ne assunsi io stesso la direzione, che tenni per quindici anni, traendo dalla nuova attività innumerevoli soddisfazioni. A coronamento dei lunghi anni di studio, nel 1954, mi fu concessa la libera docenza in lingua, letteratura e storia giapponese, che, in un certo senso, è stata per me il crisma ufficiale di yamatologo. (pag.360)